1.343 CONDIVISIONI
Opinioni
Noemi ferita dalla camorra a Napoli
10 Maggio 2019
11:35

Noemi ferita in un agguato, la Procura sugli arrestati: “Pieno contesto camorristico”

L’agguato in cui è rimasta gravemente ferita la piccola Noemi è avvenuto in “pieno contesto camorristico”. Lo sottolinea il procuratore capo di Napoli Giovanni Melillo, nel corso della conferenza dopo il fermo di Armando Del Re e di suo fratello Antonio, accusati il primo di aver sparato in piazza Nazionale e l’altro di averlo aiutato.
A cura di Nico Falco
1.343 CONDIVISIONI
Giovanni Melillo, procuratore di Napoli
Giovanni Melillo, procuratore di Napoli
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Noemi ferita dalla camorra a Napoli

Stretto riserbo sul movente, ma un punto fermo: l'agguato contro Salvatore Nurcaro, che ha causato anche il ferimento grave della piccola Noemi, è avvenuto in "pieno contesto camorristico". Lo spiega in conferenza il procuratore di Napoli Giovanni Melillo, che ha coordinato le indagini insieme all'aggiunto Giuseppe Borrelli del team composto dai magistrati Simona Rossi, Antonella Fratello e Gloria Sanseverino. Armando Del Re e il fratello Antonio Del Re sono stati sottoposti a fermo in una operazione congiunta del Comando Provinciale dei Carabinieri di Napoli, del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli e della Squadra Mobile della Questura di Napoli.

 I fermi scattati all'alba

I fermi sono scattati all'alba di oggi, 10 maggio, a una settimana esatta dalla sparatoria in piazza Nazionale, il 3 maggio scorso, quando il killer vestito di nero aprì il fuoco all'impazzata per strada e colpì, oltre a Nurcaro, anche Noemi e la nonna; la donna è stata ferita di striscio, la bambina è ancora ricoverata al Santobono in gravi condizioni. Armando Del Re, accusato di avere materialmente sparato, è stato fermato in provincia di Siena, dove sarebbe andato per incontrare il padre detenuto, mentre il fratello, che lo avrebbe aiutato e gli avrebbe fornito supporto logistico, è stato preso nei dintorni di Nola.

"Sono ritenuti entrambi coinvolti nella pianificazione e nella esecuzione dei delitti – continua Melillo – le indagini si sono sviluppate molto rapidamente grazie alla professionalità delle forze di polizia e dei magistrati che hanno diretto le indagini. Si è trattato di un agguato maturato in pieno contesto camorristico, ma nel rispetto delle indagini non possiamo dire altro".

Secondo quanto spiegato dagli inquirenti, i due avevano seguito Salvatore Nurcaro per giorni, controllando i movimenti della vittima: una condotta che rivela la metodologia mafiosa dell'agguato e che conferma l'ipotesi della premeditazione, di cui sono accusati entrambi.

1.343 CONDIVISIONI
Giornalista professionista dal 2011, redattore di cronaca nera per Fanpage.it dal 2019. Precedentemente ho lavorato per i quotidiani Cronache di Napoli, Corriere del Mezzogiorno e Il Mattino.
126 contenuti su questa storia
"La camorra è una montagna di merda" parla la mamma di Noemi, ferita a 4 anni in un agguato a Napoli
Rimosse le scritte e i disegni osceni dal murales dedicato a Noemi, bimba ferita in un agguato
Rimosse le scritte e i disegni osceni dal murales dedicato a Noemi, bimba ferita in un agguato
Imbrattato il murales dedicato alla piccola Noemi, la bambina ferita in un agguato a Napoli
Imbrattato il murales dedicato alla piccola Noemi, la bambina ferita in un agguato a Napoli
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni