Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Una donna di sessantasei anni di Casal Velino, nel Cilento, è stata trasferita d'urgenza dall'ospedale San Luca di Vallo della Lucania al Cotugno di Napoli, per un sospetto caso di meningite. La donna, inizialmente portata nel nosocomio di Vallo della Lucania, aveva febbre molto alta e forti dolori alle testa, ed i medici hanno così fatto scattare il trasferimento al Cotugno dove la diagnosi è in fase di accertamento. La donna si trova attualmente nel reparto di rianimazione, mentre tutte le persone venute a contatto con lei saranno sottoposte alla profilassi del caso: fra questi, oltre ai familiari, anche i sanitari del 118 ed i medici che hanno avuto a che fare con la donna.

Nelle prossime ore il quadro clinico sarà più chiaro, soprattutto una volta capito di che tipo di meningite si tratti. Non è il primo caso di meningite che si registra in Campania in questo inizio di 2019: appena pochi giorni fa, era toccato ad un bambino di sei anni residente a Quarto, che fortunatamente non riportò gravi conseguenze. Sempre ad aprile era toccato ad un bimbo di Ischia di pochi mesi essere ricoverato per meningite meningococcica di tipo C, ma anche in questo caso le cure funzionarono in tempo e il piccolo in poco tempo fu fuori pericolo. Soprattutto i bambini, in questa prima metà del 2019, risultano essere quelli più colpiti in Campania, come la bimba di sei anni di Vairano Paternora, o la piccola di 4 anni originaria di Scafati. Nel Cilento, invece, l'ultimo caso risaliva a marzo di quest'anno, quando un giovane studente di Agropoli venne ricoverato per meningite batterica e trasferito prima all'ospedale di Vallo della Lucania e poi al Cotugno.