3.198 CONDIVISIONI
Opinioni
Covid 19
7 Maggio 2020
13:23

La verità sulla foto della macchia nera nel canale Agnena sul litorale Domitio (Caserta)

La foto dell’enorme macchia nera nel canale Agnena, litorale domitio (Caserta) ha fatto il giro dei social network. Siamo riusciti a risalire al punto esatto (all’altezza di Cancello Arnone) e alla storia di una zona, cuore del distretto della bufala e della mozzarella dop ma anche snodo fluviale degli scarichi di piccole industrie meccaniche, manifatturiere, agroalimentari.
3.198 CONDIVISIONI
La foto dal drone con la grossa macchia nelle acque
La foto dal drone con la grossa macchia nelle acque
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Una macchia troppo nera in un mare troppo azzurro, sabbia dorata lì dove, invece , è grigia per sua stessa natura. È la foce dell’Agnena eppure non lo è. Quella fotografia scattata da un drone che ha sorvolato il litorale Domiziano sembra falsa ma in realtà è solo troppo saturata perché si vedesse bene il contrasto tra il nero e ilverde-azzurro, tra la melma e l’acqua del fiumiciattolo che accompagna le terre dei Mazzoni dall’Appia fino a valle, segnando il confine tra Mondragone e Castelvolturno. L’immagine di un orrore che altrimenti sarebbe stato solo percepibile con l’olfatto: sul posto, una puzza insopportabile di liquami, e l’acqua che appare un po’ più scura ma non torbida, la sabbia come al solito color del ferro ma un po’ più carico, gli scogli macchiati da qualcosa che sembra inchiostro diluito ma è strame misto a escrementi di bufala.

Dodici ore per capire e depurare dai filtri lo scatto postato da un blogger locale, molto attento all’ambiente e ai guasti del suo territoriale, rilanciato da Legambiente, Wfw e da numerosi attivisti. Poi la verifica in situ, con l’arrivo quando era ormai buio pesto di vigili urbani (dei due comuni rivieraschi), dei carabinieri, della Guardia costiera. E infine i tecnici dell’Arpac, che hanno prelevato campioni di acqua e sabbia. Ma intanto qualcuno, documentando il percorso sui social, aveva risalito il corso del canale Agnena fino a trovare il punto in cui il fiume, che durante il lockdown era diventato pulito e trasparente, iniziava a intorbidarsi: all’altezza di Cancello Arnone, una manciata di chilometri più a monte della foce, cuore del distretto della bufala ma anche snodo fluviale degli scarichi di piccole industrie meccaniche, manifatturiere, agroalimentari.

I tanti veleni sversati nel canale Agnena

Quattro anni fa proprio in quel punto fu scoperto lo sversamento di scarti di produzione di una fabbrica di liquori. In quella stessa zona c’è pure il vecchio impianto di Naturambiente, al centro degli scandali di quindici anni fa sulla produzione di ammendante ricavato dai fanghi dei depuratori. E ci sono un paio di produttori di biogas prodotto da escrementi bufalini.

Per sapere cosa ha macchiato l’acqua di nero e contaminato nuovamente la natura, che in due mesi era riuscita a riappropriarsi dei suoi colori e dei suoi odori, c’è bisogno di aspettare i risultati delle analisi dell’Arpac. Conoscere il responsabile potrebbe essere molto più semplice: basta un drone che costa appena 400 euro, basta la volontà di volerlo fare, dedicando ai controlli un po’ di tempo e di tecnologia, quella che facilita il lavoro degli investigatori e rende inutili i controlli porta a porta, lunghi e per questo, spesso, tardivi. Basta una foto saturata per far scattare l’allarme, ma nel coprensorio  della mozzarella, coincidente purtroppo con quello dello smaltimento selvaggio di ogni i tipo di scarto industriale, servirebbe qualcosa di più. E prima.

Foto di Vito Rota
Foto di Vito Rota

Il 25 marzo, a fabbriche chiuse e caseifici in sottoproduzione, una macchia simile era stata fotografata venti chilometri più a sud, nei pressi di Lago Patria, all’altezza di Varcaturo. È un’altra zona di allevamento intensivo di bufale, è la stessa delle grandi discariche che furono gestite da Gaetano Vassallo e Cipriano Chianese. E tra l’una e l’altra macchia nera c’è l’immensa cloaca dei Regi Lagni, che neppure il lockdown è riuscito a depurare. Lì finiscono anche i rifiuti industriali smaltiti illegalmente, fanghi e inchiostro, quello dell’accordo documentato dall’inchiesta Bloody Money.

Arrivano nel canale e poi a mare nel cuore della notte, ancora oggi. All’indomani le chiazze scure e untuose, altri allarmi, altre denunce pubbliche. Ma quei produttori di veleni non sono stati ancora fermati. È amaro Marcello Giocondo, proprietario di un lido a Pescopagano, presidente regionale del Sib, il sindacato dei balneari: “Mi chiedo che fine abbiano fatto tutte le denunce fatte negli ultimi vent’anni, come quella dei vermi a mare che arrivavano dal depuratore gestito da Hidrogest. Denunce affogate tra i fascicoli che languono al tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Come imprenditori ci sentiamo sconfitti, come imprenditori e come cittadini. Forse è giunto il momento di rinunciare".

3.198 CONDIVISIONI
Rosaria Capacchione, giornalista. Il suo lavoro di cronista giudiziaria e le inchieste sul clan dei Casalesi le sono costate minacce a causa delle quali è costretta a vivere sotto scorta. È stata senatrice della Repubblica e componente della Commissione parlamentare antimafia.
31623 contenuti su questa storia
Covid Campania, oggi 2.290 contagi e 14 morti: bollettino di venerdì 12 agosto 2022
Covid Campania, oggi 2.290 contagi e 14 morti: bollettino di venerdì 12 agosto 2022
Covid Lazio, bollettino di oggi 12 agosto: 2.106 nuovi casi, 5 morti e 915 contagi a Roma
Covid Lazio, bollettino di oggi 12 agosto: 2.106 nuovi casi, 5 morti e 915 contagi a Roma
Stop al distanziamento e alla quarantena per contatti Covid: le nuove linee guida dei CDC americani
Stop al distanziamento e alla quarantena per contatti Covid: le nuove linee guida dei CDC americani
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni