243 CONDIVISIONI
Opinioni
Camorra, arrestato il boss Marco di Lauro
4 Marzo 2019
18:39

Marco Di Lauro è nel carcere di Secondigliano in una cella di massima sicurezza

Marco Di Lauro, il reggente dell’omonimo clan, arrestato sabato 2 marzo dopo 14 anni di latitanza, è recluso nel carcere di Secondigliano. È il suo quartiere, ma la struttura penitenziaria è di alta sicurezza: il boss dell’area Nord deve scontare già una condanna definitiva e rispondere di numerose e pesanti accuse per altri procedimenti.
A cura di Nico Falco
243 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Camorra, arrestato il boss Marco di Lauro

Domani mattina, 5 marzo, Marco Di Lauro comparirà davanti al gip Pietro Carola per l'interrogatorio di garanzia. Il quarto figlio di Paolo Di Lauro, indicato nei libri contabili col nome in codice F4, è ritenuto figura di vertice della cosca fondata dal padre, dall'elevatissimo spessore criminale.

Dopo il suo arresto è stato rinchiuso direttamente nel carcere di Secondigliano, senza passare per Poggioreale, contrariamente alla notizia circolata nelle prime ore. La scelta dell'istituto di pena stata dettata dalla caratura criminale del boss e dalle caratteristiche della struttura della periferia Nord di Napoli: più moderna e attrezzata rispetto a quella del centro cittadino, è attrezzata con reparti di alta sicurezza, oltre a consentire più agevolmente i collegamenti in via telematica per i processi.

Oggi, intanto, il comandante provinciale dei Carabinieri, Ubaldo Del Monaco, e il Questore di Napoli, Antonio De Iesu, hanno partecipato a un incontro con i vertici partenopei di Confcommercio. “L'arresto di Marco Di Lauro – ha detto Del Monaco – è un risultato importante che dà fiducia a Napoli”. “La camorra c'è – ha aggiunto De Iesu – in città ci sono clan ben strutturati e forti. Parlo anche dei Di Lauro, a cui abbiamo inferto un duro colpo con la cattura del latitante. Ma questo non significa che i clan, che sono ritenuti delle imprese criminali a tutti gli effetti e amministrano patrimoni, siano stati debellati. Bisogna denunciare. A volte basta riferire un dettaglio, una semplice voce, oppure usare la videosorveglianza visto che alcuni commercianti sono restii anche per una questione di privacy. Se tutti gli attori istituzionali sono uniti, a Napoli si potranno fare cose concrete”.

243 CONDIVISIONI
Giornalista professionista dal 2011, redattore di cronaca nera per Fanpage.it dal 2019. Precedentemente ho lavorato per i quotidiani Cronache di Napoli, Corriere del Mezzogiorno e Il Mattino.
Melito, una panchina rossa per Norina Matuozzo, uccisa dal marito Salvatore Tamburrino
Melito, una panchina rossa per Norina Matuozzo, uccisa dal marito Salvatore Tamburrino
Norina Matuozzo, uccisa dal marito camorrista. A Secondigliano c'è paura: pochi al corteo
Norina Matuozzo, uccisa dal marito camorrista. A Secondigliano c'è paura: pochi al corteo
12.705 di Gaia Martignetti
"Marco Di Lauro usava telefoni citofono", le prime dichiarazioni del pentito Tamburrino
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni