117 CONDIVISIONI
Opinioni
Molestie all'Accademia di Belle Arti
15 Febbraio 2020
18:48

Molestie sessuali in Accademia, parla la studentessa che ha denunciato: “Infastidite altre ragazze”

Molestie sessuali all’Accademia di Belle Arti a Napoli, a Fanpage.it parla la ragazza che ha denunciato il professore: “Sono state contattate e infastidite altre ragazze. Adesso che le cose stanno uscendo dopo il velo di silenzio chiedo: basta parole, tutelateci. Il trauma di una violenza noi lo portiamo per sempre”.
117 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Molestie all'Accademia di Belle Arti

Della sua verità, del racconto fatto dalla ragazza che qualche mese fa è andata dai carabinieri e ha formalizzato un esposto per molestie sessuali contro un prof dell'Accademia di Belle Arti di Napoli non possiamo che rivelare pochi stralci. Il motivo è semplice: il diritto di cronaca in questa storia non può e non deve superare quello alla riservatezza, non può e non deve superare quello allo svolgimento di una indagine (relativamente) serena, non deve annientare il diritto alla difesa di chi è nella posizione ‘preliminare' di accusato.

Tuttavia il docente – i cui esami in Accademia sono ora affidati ad una commissione – attraverso i suoi avvocati si è difeso dalle colonne del quotidiano Il Mattino. I legali parlano di «gogna mediatica» e ricostruzione «non corretta» e di un rapporto consenziente, una relazione fra adulti e basta, insomma. E ora la ragazza, la giovane donna che si trova al centro questa storia e che finora ha parlato solo  nelle sedi deputate, ovvero ai carabinieri, vuole dire la sua. Gli atti sono al vaglio del pm Cristina Curatoli e del procuratore aggiunto Raffaello Falcone, insieme al contenuto di un cellulare che sarà definitivamente acquisito il prossimo 5 marzo con un accertamento irripetibile.

La giovane donna dice soprattutto una cosa, che va ovviamente riscontrata e verificata, ma la dice chiaramente: «Sono state contattate e infastidite altre ragazze». E ancora: «delle mie compagne parlano e dicono di ricevere messaggi inappropriati». Il suo racconto è un fiume in piena, spesso si fa plurale: «Noi vogliamo essere tutelate, vogliamo vivere una vita in cui non dobbiamo temere di attraversare quei corridoi (dell'Accademia ndr.)». «Sono stata contattata su Instagram dopo l'esame di ammissione orale – spiega – con un linguaggio molto informale». Poi il racconto va avanti, l'evoluzione del rapporto da verbale a fisico, la ragazza spiega chiaramente come si è sentita: «È stato disagiante» è solo una delle frasi che, per i motivi su detti, possiamo riportare.

E infine, raccontando il suo ritorno a lezione: «Mi sono detta: non devo scappare, devo affrontare, sono ritornata al corso dove c'è stato un velo di silenzio in Accademia ed è continuato anche dopo. E adesso che le cose stanno uscendo chiedo: basta parole, tutelateci. Il trauma di una violenza noi lo portiamo per sempre»

117 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
27 contenuti su questa storia
Molestie in Accademia di Belle Arti Napoli, indagini chiuse: due docenti rischiano processo
Molestie in Accademia di Belle Arti Napoli, indagini chiuse: due docenti rischiano processo
Accademia Belle Arti Napoli, attività paralizzate, lettera degli studenti:
Accademia Belle Arti Napoli, attività paralizzate, lettera degli studenti: "Intervenga il ministro"
Molestie sessuali del prof in Accademia di Belle Arti: altre studentesse dai carabinieri
Molestie sessuali del prof in Accademia di Belle Arti: altre studentesse dai carabinieri
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni