867 CONDIVISIONI
Opinioni
Bomba alla pizzeria Sorbillo di Napoli
10 Marzo 2019
10:52

Chi ha ironizzato sulla bomba in pizzeria dovrebbe ora chiedere scusa a Gino Sorbillo

Gli arresti di camorra delle ultime ore a Napoli, fanno emergere una realtà incontestabile: il boom turistico del centro storico è un affare per la camorra che impone il pagamento del ‘pizzo’ alle decine di pizzerie in zona. Quando esplose la bomba sotto la pizzeria Sorbillo ci fu chi lanció sospetti o addirittura scherzó sul fatto. Ora questa gente dovrebbe chiedere scusa.
867 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Bomba alla pizzeria Sorbillo di Napoli

Stanno emergendo, con gli arresti di queste ultime ore, realtà che solo coloro che non volevano volutamente capire, non capivano: a Napoli la strada delle pizzerie storiche, delle trattorie popolari, ovvero via Tribunali, il Decumano Maggiore, era preda del racket. Il pizzo era imposto a tutti i locali. A eccezione di chi, avendo raggiunto punte di eccellenza e potere mediatico, era evidentemente difficile da stritolare con la richiesta di almeno 100 euro a settimana e dei 3-5mila euro sotto Natale e Capodanno.

Qualcuno, a Napoli e fuori Napoli, all'indomani della bomba sotto la pizzeria di Gino Sorbillo, si era vestito – come sempre più spesso accade in questa città – da giudice della Suprema Corte di Cassazione. E pure non avendone titoli, conoscenza e cultura, aveva sentenziato che no, la bomba da Sorbillo "era una bombetta" o addirittura che il pizzaiolo napoletano ci stesse in fondo marciando su questo boom mediatico conseguente la vicenda.

Ora, con gli arresti dei Sibillo, i ‘baby camorristi' violenti quanto manovrati dagli storici boss – che si tengono ben lontani dalla strada – emerge la verità sul clima di terrore di questi mesi, di questi anni, nel tanto osannato "centro storico preso d'assalto dai turisti".
L'assalto è semmai della camorra che mangia anche sul boom turistico. Quanto vorremmo vedere il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, ormai diventato una specie di editorialista politico nazionale e non più un amministratore locale, fare i conti con questa realtà, anziché osannare solo il turismo attuale che porta soldi, ma nelle tasche di pochi.

E quanto vorremmo vedere una fila, lunga, in via dei Tribunali: tutti quelli che dovrebbero oggi chiedere scusa a Gino Sorbillo: liberi pensatori dei social network, influencer con l'unica idea del chiacchiericcio, giornalisti senza idea alcuna di Napoli. E anche certi pizzaiuoli che dovrebbero restare dietro al bancone e preoccuparsi semmai di non pagare la camorra.

867 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
29 contenuti su questa storia
Decapitato il clan Sibillo. Arresti anche per coloro che chiedevano soldi alle pizzerie
Decapitato il clan Sibillo. Arresti anche per coloro che chiedevano soldi alle pizzerie
Via Tribunali, pizzerie senza pace: furto nella notte da Attanasio
Via Tribunali, pizzerie senza pace: furto nella notte da Attanasio
Spari contro la storica pizzeria Di Matteo, la verità nei video della sorveglianza
Spari contro la storica pizzeria Di Matteo, la verità nei video della sorveglianza
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni