Zona Ferrovia, polveriera di Napoli
in foto: Zona Ferrovia, polveriera di Napoli

Piazza Principe Umberto, via Firenze, via Torino, via Bologna, via Venezia, piazza Garibaldi. L'Italia di Napoli è nei nomi delle strade della stazione ferroviaria: chi viene e chi va, da tutti i luoghi del mondo per tutti i luoghi del mondo. Questo non è un articolo sulla città e la sua storia topografica. È il racconto di come iniziò l'infezione: il primo germe arrivò, trovò la ferita sanguinante, prolificò. In questa zona si stanno creando le condizioni per l'arrivo trionfante di esasperazioni, sentimenti e pensieri che in altri luoghi del Paese hanno portato l'attuale vicepremier nonché ministro dell'Interno Matteo Salvini a imporsi elettoralmente col «prima gli italiani», le ruspe e tutta la fenomenologia leghista oggi al governo del Paese insieme al Movimento Cinque Stelle.

Che sta succedendo, dunque? Questa striscia di strade con nomi di città del Nord, posta alle spalle della stazione centrale, è diventata il simbolo dell'invivibilità messa a sistema. Seminammo silenziosi il degrado, crebbe il fiore del male, lo guardammo disgustati e quasi ammirati dalla rapidità dello sviluppo. Furti, scippi, spaccio, ma anche commercio illegale (soprattutto di alcolici) e caos notturno si sono intrecciate alla massiccia presenza di immigrati nella zona. Gli episodi di violenza non si contano: alla fine di maggio in una maxi-rissa sono rimasti feriti lievemente tre carabinieri; la polizia interviene ogni giorno per raccogliere improvvidi turisti che si addentrano ignari nella zona – dove ci sono eccellenze gastronomiche come lo storico ristorante Mimì alla Ferrovia  accerchiate dalla delinquenza – e li trova in lacrime, senza portafogli, cellulare, telecamera, macchina fotografica. Qualche notte fa alcuni tassisti si sono fatti giustizia da soli: hanno intercettato uno scippatore algerino, lo hanno accerchiato l'hanno picchiato furiosi prima dell'arrivo delle volanti.

«È un calderone che ribolle»: l'inutile frase che piace tanto ai giornalisti. Ci sono alcuni alberghi che ospitano profughi e tanto basta per additarli, tutti, come delinquenti, agli occhi di chi vuole vincere facile. A poche centinaia di metri, in via Foria, dopo il guado – terribile – di via Rosaroll c'è la Berta, già sezione sede del Movimento Sociale Italiano oggi quartier generale di Casapound a Napoli. Le ultime manifestazioni di CPI in città sono soprattutto su via Firenze: «CasaPound sarà al fianco degli Italiani, dall’altra parte della barricata con i residenti del Vasto» scrive il movimento di destra su Facebook. "Noi con Salvini" forte del governo gialloverde facendo proseliti in città: proprio ora, 3 giugno in via Toledo c'è un gazebo per il tesseramento.

Protesta anti–Salvini a Napoli
in foto: Protesta anti–Salvini a Napoli

Qual è l'approccio della politica? L'11 marzo 2017 una manifestazione di Matteo Salvini alla mostra d'Oltremare venne contrastata da una serie di soggetti – centri sociali, movimenti politici vicino al sindaco Luigi De Magistris, atomi di sinistra sparsi –  e culminò in scontri a Fuorigrotta. Da allora la contrapposizione è stata sempre legata alla dicotomia Nord-Sud, come un film con Claudio Bisio e Alessandro Siani. Ridicola, se si pensa che il leader della Lega è ormai sdoganato ovunque: la plastificazione del capo a mezzo social network ha prodotto un'azione di rimescolamento continuo di sentimenti di rivalsa, frustrazioni, voglia di  ‘nemico' altrove che ha prodotto un omogeneo monoblocco dal cuore populista che se ne frega altamente della posizione geografica: Varese o Canicattì, cosa importa? Se Salvini a Napoli parla napoletano, a Trapani siciliano e a Padova il veneto si propone come leader geolocalizzato, targettizzato. Come un prodotto sponsorizzato su Facebook soddisfa tutti. Anche i napoletani. E non c'è De Magistris che tenga.

Qual è invece l'approccio delle forze dell'ordine sul disastro di via Firenze e strade limitrofe? È stato  avviato un repulisti dell'area che culminerà – questa è la voce – in una serie di operazioni sul territorio per chiudere i negozietti di pakistani e nordafricani che vendono illegalmente alcolici. L'equazione è semplice: niente vodka, birra e vino a buon mercato la notte, niente rissa e niente ricerca soldi per acquistare la bottiglia. È così? Basterà?

In via Santa Caterina a Formiello, stradina che taglia tra via Carbonara e via Rosaroll, la notte si passa in rassegna l'intero codice penale, dalla prostituzione allo spaccio. Ogni notte si sentono in zona i fuochi d'artificio. Qualcuno ha voglia di festeggiare? Ma no, è semplicemente il segnale di apertura delle piazze di spaccio con l'arrivo della droga che non viene custodita mai dove si smercia per evitare blitz e maxi-sequestri. I brasiliani nella favela avevano gli aquiloni, qui le batterie da 16 botti.

A Porta Capuana ci sono lavori di restyling nell'ambito di un progetto di «rigenerazione urbana» finanziato con fondi dell'Unione Europea (che buffo, vero?) per i centri storici patrimonio Unesco. La piazza si rifà il look, ma il degrado resta. E resta pure chi la fa da padrone: qualche giorno fa il concertino neomelodico autoconvocato per chi era?

Per ogni nordafricano che compra alcolici c'è un italiano che ci guadagna dal fitto dello stabile e dalla merce imposta, per ogni scippatore c'è un camorrista napoletano che ricetta e rivende, per ogni prostituta c'è un pappone che incassa, per ogni ‘negro' o ‘arabo' c'è una camera in affitto gestita da qualcuno che è salvinianamente "padrone a casa sua". Pure troppo.

Il leader della Lega coi calciatori del Napoli / foto dalla pagina Fb di Salvini
in foto: Il leader della Lega coi calciatori del Napoli / foto dalla pagina Fb di Salvini