40.338 CONDIVISIONI
Opinioni
Noemi ferita dalla camorra a Napoli
10 Maggio 2019
11:40

Noemi respira spontaneamente, la bimba ferita si sveglia dal coma e apre gli occhi

L’ospedale Santobono di Napoli dirama un bollettino medico che regala grandi speranze: da questa mattinata la piccola Noemi, la bambina di quattro anni ferita nel corso della sparatoria di piazza Nazionale a Napoli, è stata portata ad uno stato di sedazione non profonda e attualmente evidenzia una valida respirazione spontanea. Dunque la piccola ferita non è più in coma farmacologico ed è cosciente.
40.338 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Noemi ferita dalla camorra a Napoli

La piccola Noemi si è svegliata dal coma farmacologico e respira spontaneamente. La bellissima notizia arriva dal bollettino medico diramato oggi 10 maggio dall'ospedale pediatrico Santobono-Pausilipon di Napoli. Il nosocomio ha fatto sapere che da questa mattinata  la bambina di quattro anni ferita una settimana fa nel corso della sparatoria di piazza Nazionale a Napoli, è stata portata ad uno stato di sedazione non profonda e attualmente evidenzia una valida respirazione spontanea, supportata da ossigeno ad alti flussi, senza necessità di ventilazione meccanica.

Nella giornata di ieri 9 maggio, la bambina è stata sottoposta a broncoscopia sia a destra che a sinistra, così da permettere di liberare i bronchi da muchi e coaguli. La prognosi permane riservata. Noemi era in coma indotto da una settimana.

La direttrice dell'ospedale Santobono-Pausilipon Anna Maria Minicucci spiega commossa:"Aspettavamo questo momento da una settimana. Siamo soddisfatti per il risultato raggiunto, nella stessa giornata in cui hanno arrestato i responsabili della sparatoria. È una bella giornata, vorrei che tutti i giorni venisse fuori questa parte migliore di Napoli. Siamo ancora prudenti, siamo medici e sappiamo che le prime ore per la bambina saranno di stabilità. Nei prossimi giorni faremo una conferenza stampa per spiegare tutto". Ieri sera durante la veglia di preghiera si erano diffuse voci, poi smentite dall'ospedale, circa un miglioramento delle condizioni della piccola. La buona notizia è fortunatamente arrivata oggi.

L'arresto del killer di piazza Nazionale

La notizia di Noemi fa il paio con l'arresto dell'uomo che le ha sparato riducendola in fin di vita: poco fa, i carabinieri su delega della Procura di Napoli hanno infatti arrestato Armando del Re, ritenuto esecutore materiale dell'agguato contro Salvatore Nurcaro in piazza Nazionale, lì dove è rimasta ferita la bimba di 4 anni. Preso anche il fratello Antonio che stava coprendo la latitanza di Armando Del Re e lo stava accompagnando fuori Campania. I due sono risultati essere figli di un ras del clan di Lauro, zona Secondigliano, periferia Nord di Napoli Vincenzo Del Re, alias ‘la pacchiana'. La notizia, anticipata da Fanpage.it ha portato grande euforia anche fra le centinaia di napoletani, semplici cittadini che da giorni sotto all'ospedale pediatrico del quartiere Vomero chiedono notizie della bimba ferita ai polmoni.

40.338 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
127 contenuti su questa storia
"La camorra è una montagna di merda" parla la mamma di Noemi, ferita a 4 anni in un agguato a Napoli
Rimosse le scritte e i disegni osceni dal murales dedicato a Noemi, bimba ferita in un agguato
Rimosse le scritte e i disegni osceni dal murales dedicato a Noemi, bimba ferita in un agguato
Imbrattato il murales dedicato alla piccola Noemi, la bambina ferita in un agguato a Napoli
Imbrattato il murales dedicato alla piccola Noemi, la bambina ferita in un agguato a Napoli
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni