I tre ragazzi accusati dello stupro della 24enne di Portici avvenuto nell'ascensore della stazione di San Giorgio a Cremano della Circumvesuviana.
in foto: I tre ragazzi accusati dello stupro della 24enne.

Anche Antonio Cozzolino, accusato insieme a due coetanei di violenza sessuale di gruppo ai danni di una 24enne di Portici, ha lasciato il carcere. La decisione arriva dal Tribunale del Riesame, che ha annullato l'ordinanza e disposto la scarcerazione così come era successo per Alessandro Sbrescia, difeso dall'avvocato Edoardo Izzo, liberato da un'altra sezione del Riesame. Cozzolino, 19 anni, è difeso dall'avvocato Antonio De Santis. Le motivazioni per i due non sono state ancora depositate, saranno rese note nei prossimi giorni. Ora si attende la decisione del Riesame sul terzo giovane accusato di quell'episodio, Raffaele Borrelli; a quanto si apprende i tre legali hanno presentato i ricorsi in momenti diversi.

I fatti risalgono allo scorso 5 marzo, quando una giovane aveva denunciato di essere stata costretta a subire con la forza un rapporto sessuale da tre giovani che conosceva di vista, all'interno dell'ascensore della stazione San Giorgio a Cremano della Circumvesuviana Eav. I tre, identificati grazie al racconto della ragazza e ai riscontri delle telecamere di videosorveglianza della stazione, erano stati arrestati poche ore dopo la denuncia; si sono sempre difesi ammettendo il rapporto sessuale ma sostenendo che la 24enne fosse consensuale. Nel corso delle indagini era saltato fuori che la ragazza era stata già molestata una ventina di giorni prima da un gruppetto di giovani che l'avevano seguita fino a casa, tra i quali c'erano anche quelli che poi saranno arrestati con l'accusa di averla stuprata. Nei giorni scorsi è emerso che dalle visite mediche sulla giovane, assistita dall'avvocato Maurizio Capozzo, erano emersi i segni della violenza.